martedì 7 aprile 2015

l'unico riferimento italiano che ho trovato in rete riguarda a questa tecnica é tratto da un articolo di Viviana Car riguardo ad una mostra di ceramisti :".....A detta di Erna Toncinich, la quale guida la sezione, la tecnica Mishima porta il nome dell'omonima città giapponese, conosciuta nell'antichità per la calligrafia elaborata dei calendari e degli almanacchi. Con l'importazione di oggetti di ceramica dalla Corea, i calligrafi notarono la somiglianza della loro lavorazione con la grafica delle loro creazioni ed iniziarono ad imitarla tanto che questa tecnica coreana, nel mondo, divenne conosciuta come Mishima, tecnica giapponese della lavorazione e decorazione della ceramica. Un modo nettamente differente di operare in quanto l'argilla dapprima viene lavorata e, a fresco, vengono fatti i disegni. Di seguito il lavoro viene ricoperto di barbottina – argilla liquida – che viene impressa nella decorazione. Appena asciutta, l'opera viene strofinata con carta smeriglia ed alla fine il disegno viene messo in risalto...."

semplice spiegazione
passo per passo:

dopo aver disegnato a sgraffitto ho ricoperto il tratto con engobbio colorato facendolo penetrare abbondantemente nel intaglio del disegno

ho lasciato asciugare l'argilla e l'engobbio, poi ho raschiato con un attrezzo per tornio in modo da togliere l'engobbio sulla superficie, rimane invece intatto quello che è penetrato nel contorno del mio disegno


la tecnica finisce quà, in verità viene usata quasi sempre su porcellana bianca per far risaltare il disegno al tratto colorato



io ho colorato anche lo sfondo e i quadretti a mio piacimento
questa tecnica permette all'engobbio di fondersi nell'argilla formando un disegno che diventa tutt'uno con la creta, a passarci il dito sopra non si sente nessun dislivello dell' incisione, perfetto quindi all'interno di un piatto perchè permette alla cristallina di rimanere liscia e garantisce quindi una sicurezza per uso alimentare.

 certo, la mia prova non è perfetta, penso che avrei dovuto dosare meglio l'incisione della creta che in alcuni punti con l'asciugatura non ha preso bene! :)



4 commenti:

manu' ha detto...

grazie Giosy,molto interessante!proverò a fare qualche esperimento!!bacio!

Cristina ha detto...

Tecnica particolare e geniale... grazie per la spiegazione...

Giosy ha detto...

si Manù, prova! poi mi dirai...

manu' ha detto...

oggi ho due bei bicchieri che si sacrificheranno per la causa!! ;-)